VIDEO

Ha passato più di 2 decenni a costruire una gigantesca Arca di Noè, ma l’interno è spettacolare. Guardate…

Ha passato più di 2 decenni a costruire una gigantesca Arca di Noè, ma l’interno è spettacolare. Guardate…

ANIMALI, CURIOSITÀ, NOTIZIE, TECONLOGIA, VIDEO
Alcune persone hanno tanti soldi che quasi non sanno che farne. Questo potrebbe essere il motivo di base per cui un imprenditore edile molto facoltoso, di nome Johan Huibers, ha deciso di realizzare una struttura mai vista prima. In pratica, l’uomo ha deciso di realizzare la famosissima, mitica e leggendaria arca di Noè. Esatto! Proprio quella che serve durante l’Apocalisse. Johan ha più volte asserito di averlo fatto per la fede. È un uomo inglese molto religioso. Ma come nacque la sua idea? Un giorno fece un sogno in cui c’era una terribile alluvione nei Paesi Bassi, e tante persone persero la vita per questo cataclisma. Chiaramente era solo un sogno, ma da quel giorno ha deciso che avrebbe dovuto costruire un’arca, come quella che Dio ordinò di costruire a Noè nella Genesi. Tutto è ini
ECCO IL SERVIZIO CHE “LE IENE” NON HANNO VOLUTO FAR VEDERE IN TV AGLI ITALIANI.IL VIDEO

ECCO IL SERVIZIO CHE “LE IENE” NON HANNO VOLUTO FAR VEDERE IN TV AGLI ITALIANI.IL VIDEO

BLOG, NOTIZIE, VIDEO
UNA DENUNCIA UNICA NEL SUO GENERE, TREMENDAMENTE REALE, DOCUMENTATA ED INCONTROVERTIBILE DEL GOLPE CHE STIAMO SUBENDO DAI POTERI FORTI, CON LA PROVA DELL’ESISTENZA DI UN GOVERNO INVISIBILE E DI UNA TRUFFA BEN CONGENIATA DA BANCHIERI MONDIALISTI AI DANNI DEL POPOLO. Ecco di seguito il video che sta facendo tremare i palazzi dei potenti.
Quello che si è scoperto sullo Zucchero di Canna è inquietante! Fai questo test anche tu…

Quello che si è scoperto sullo Zucchero di Canna è inquietante! Fai questo test anche tu…

BLOG, VIDEO
Forse anche tu preferisci lo Zucchero Grezzo di Canna a quello bianco. Forse anche tu pensi che sia più naturale e che abbia subito meno processi di lavorazione. Allora anche TU probabilmente sei stato preso in giro da anni! Il video che stai vedere svelerebbe un cruda “verità”. Fai tu stesso il test e renditi conto della probabile presa in giro che viene perpetuata da anni nei tuoi confronti.
Ecco come accorciare i Pantaloni senza dover andare in sartoria e mantenendo l’orlo originale!!

Ecco come accorciare i Pantaloni senza dover andare in sartoria e mantenendo l’orlo originale!!

BLOG, VIDEO
Se c’è una cosa che proprio non si sopporta è spendere una fortuna per un paio di jeans o di semplici pantaloni che ci piacciono e poi scoprire che ci vanno troppo lunghi anche su tacchi vertiginosi. Purtroppo l’altezza è un dono che non tutti hanno e tocca subire le conseguenze di una statura non troppo alta. Gran parte di noi ricorre all’aiuto della sarta, che modifica i pantaloni rendendoli perfetti per il nostro corpo minuto. Ma è davvero necessario buttare via altri soldi? In fondo si possono ottenere risultati soddisfacenti anche con metodi fai-da-te. Nel video che troverete sul fondo, una donna vi mostrerà come rifinire un paio di pantaloni. Nello specifico, vi insegnerà un metodo facile, veloce e pratico, per avere subito dei pantaloni perfetti. Non serve essere dei professionist
Per chi crede nel MALOCCHIO: Ecco svelata l’antica formula per eliminarlo…

Per chi crede nel MALOCCHIO: Ecco svelata l’antica formula per eliminarlo…

BLOG, CURIOSITÀ, VIDEO
Come togliere il malocchio: Il metodo dell’acqua e dell’olio è un metodo sconsigliato a chi non ha una particolare esperienza. Si tratta di far uscire allo scoperto le cosiddette “larve” che si attaccano sulla barriera pranica dell’uomo. Per il rito si avvale di acqua , olio e una candela benedetta : si mette l’acqua in un piatto, si accende la candela, poi la persona che abbia il sospetto di essere stata colpita dal malocchio, tocca con la mano sinistra il piatto contenente l’acqua e con la destra la spalla dell’operatore che nel mentre traccia un segno di croce sulla fronte della persona colpita e un altro poi sul piatto con l’acqua. Terminati i segni di croce la persona colpita può togliere le mani dal piatto e dall’operatore. L’operatore a questo punto prende la brocchetta con l’ol
L’allarme dell’oncologo: “Ecco il cibo che alimenta i tumori”

L’allarme dell’oncologo: “Ecco il cibo che alimenta i tumori”

BLOG, NOTIZIE, VIDEO
Attenzione a consumare latte di mucca se si ha un tumore: l’allarme arriva dal Prof. Franco Berrino, direttore del Dipartimento di Medicina Preventiva dell’Istituto Tumori di Milano, che già tempo fa in un’intervista a ‘Report’, su Raitre, aveva fatto un elenco dei cibi pericolosi per i tumori o le malattie cardiache e ancor prima aveva spiegato: “La farina 00 è il più grande veleno della storia, anche se biologica”. Queste le parole del prof. Franco Berrino: “Io mi baso su un ragionamento, so che chi beve latte ha i livelli di IGF-1 più alti nel sangue, una quindicina di studi lo hanno coerentemente mostrato. Chi ha i livelli più alti nel sangue, e questi sono i nostri grandi studi prospettici che lo dimostrano, si ammala di più di cancro. Conosco un solo studio, che è il nostro, che ha
Se lo vedete sul vostro parabrezza, scappate o chiamate subito la Polizia. Ecco perché…

Se lo vedete sul vostro parabrezza, scappate o chiamate subito la Polizia. Ecco perché…

BLOG, VIDEO
La storia raccontata da Ashley Hardacre, sul suo profilo Facebook, è una storia raccapricciante e che sarebbe potuta finire molto male. La Giovane racconta che è entrata in Auto, e chiusa la porta si è resa conto che c’era una camicia blu di flanella sul suo parabrezza. La cosa ha spiazzato molto la giovane. Ma Ashley ha avuto la sensazione come se ci fosse un qualcosa che non andava. “Ho visto che c’erano due auto vicino a me, una era in moto e ho capito che non dovevo uscire dall’auto, ho capito che qualcuno aveva gettato quella camicia sul mio vetro per qualche strana ragione.”. Fortunatamente l’istinto di Ashley l’ha salvata da una brutta fine, la ragazza ha messo in moto ed è scappata quanto più velocemente possibile. La Storia ha fatto scalpore, in America, finendo finanche su

Social Widgets powered by AB-WebLog.com.